già in un’altra occasione si era riscontrata una certa differenza fra i dati proclamati dall’interessato e quelli forniti e risultanti a livello europeo (e riferito ai leaders di ogni singolo stato).

la ricerca, come si chiarisce correttamente nel testo, è condotta da una società USA e i suoi risultati danno una indicazione di massima del rapporto fiduciario, momentaneamente esistente, fra i singoli leader e i loro "amministrati"

Sondaggio Usa: 45% italiani approva Berlusconi e 48% no.

Il 45% degli italiani condivide l’operato del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, contro il 48% che non concorda ed è al settimo posto nella lista di gradimento dei leader europei.

In occasione della ricorrenza dei venti anni dalla caduta del Muro di Berlino è stata condotta un’indagine sullo stato d’animo degli europei intitolata "La fine del Comunismo festeggiata ma adesso con qualche riserva" e curata dall’istituto con sede a Washington Pew Research Center.

Il quesito posto è stato "approva fortemente, approva, disapprova o disapprova fortemente il modo con cui Silvio Berlusconi sta gestendo il suo lavoro di presidente del Consiglio".
L’8% degli italiani ha detto di “approvarlo fortemente”.
Il 37% di “approvarlo”.
Il 26% di “disapprovarlo”.
Il 22% di “disapprovarlo fortemente”.
Il restante 8% ha preferito non rispondere (il rapporto specifica che le percentuali sono arrotondate).

Ricordiamo che ultimamente i sondaggi personali che il  “Premier” riferisce in ogni occasione darebbero la percentuale di gradimento degli italiani nei suoi confronti superiore al 68%.

Per quanto concerne, invece, la classifica dei leader troviamo il premier bulgaro Boyko Borissov con il 70% a favore e il 15% contro. Poi segue il presidente russo Dmitri Medvedev con approvato dal 69% dei russi contro il 23%.

Tra i leader europei il cancelliere Angela Merkel raccoglie il 66% dei consensi contro un 31% di insoddisfatti, seguita dal primo ministro ceco Jan Fischer (59% contro 24%), da quello slovacco Robert Fico (49% contro 40%) e da quello polacco Donald Tusk (48% contro 42%).

E finalmente al settimo posto troviamo Silvio Berlusconi che supera di poco il presidente francese Nicolas Sarkozy (43% contro 46%), il premier spagnolo José Louis Rodriguez Zapatero (36% contro 55%), l’inglese Gordon Brown (36% contro 61%) e quello ungherese Gordon Bajnai e quello lituano Andrius Kubilius (entrambi al 17% contro 71%).

Ultimo dell’elenco il presidente ucraino Viktor Yushchenko, con solo il 9% dei suoi cittadini a favore e un 83% di scontenti.

E’ bene ricordare che il sondaggio è stato svolto in 13 paesi europei più gli Stati Uniti nel periodo che va dal 27 agosto al 24 settembre 2009 e su un campione complessivo di 14.760 cittadini.

In merito al sondaggio svolto in Italia sono state intervistate 1.005 persone tra il 10 e il 22 settembre, con un margine di errore stimato del 4,5%.

Ci piace ricordare che i dati di questa ricerca emergono dalla “Reuters” una delle maggiori agenzie di stampa internazionale.

PS: non ditelo in giro, magari poi ci fa causa per notizie pericolose e per attacco al prestigio delle Istituzioni. Non dimenticate che, come ripetono tutti i SUOI (quelli contati giorno per giorno, ieri ad esempio un gruppetto di si-culi hanno praticato un distinguo: sono ancora lì, nel PdL, ma con una maglietta un po’ diversa "PdL Sicilia") lo ha eletto la maggioranza degli italiani!

E i SUOI sondaggi lo danno al 68%.

PS: e poi non si capisce il motivo delle balle, visto che con la legge elettorale attuale avrebbe lo stesso una maggioranza "bulgara".

In Parlamento.