quello che il Governo, ma soprattutto il leader maximo, non vuol capire è che gli italiani non sono dei minus quam e se hanno reazioni ansiose è proprio per la scarsa fiducia nelle verità ufficiali.

quando e se dovesse mai essere eletto direttamente la prossima volta a chi chiederemmo la verità, al Papa di turno?

Oltre 500mila casi di contagio. Per la precisione, 530mila. Tanti sono gli italiani che hanno già contratto l’influenza A. E il livello di incidenza raddoppia da una settimana all’altra: dallo 0,4 allo 0,9 per cento registrato tra il 26 ottobre e il 1° novembre.

Gli ultimi dati diffusi ieri dalla rete Influnet dell’Istituto superiore di sanità, che stima l’andamento epidemiologico sulla base delle informazioni raccolte dai "medici sentinella" in tutta Italia, fotografano una pandemia galoppante.

Che sembra tenere ritmi molto più serrati della distribuzione dei vaccini, baluardo contro l’A/H1N1. Ma proprio ieri pomeriggio, durante un incontro in commissione Sanità delle regioni, i tecnici del ministero hanno provato a porre fine alle polemiche degli ultimi giorni sui ritardi nella gestione della campagna vaccinale. Ufficializzando finalmente il calendario delle consegne di siero e promettendo che entro la prima settimana di dicembre arriveranno a destinazione complessivamente 10 milioni di dosi.

Ben sei in più, rispetto ai 4 milioni che si era preventivato di distribuire a fine novembre. A emergenza conclusa, secondo il viceministro alla Salute Ferruccio Fazio, intervenuto alla trasmissione "Porta a Porta", le persone coperte dalla profilassi saranno tra i 18 e i 20 milioni. Cifre che con ogni probabilità il viceministro snocciolerà oggi in parlamento, di ritorno da una visita-lampo a Napoli, durante l’audizione davanti alle commissioni Sanità di Camera e Senato.

Una circolare in arrivo autorizzerà poi ufficialmente l’uso monodose del vaccino al di sopra dei dieci anni d’età, consentendo di "liberare" dosi per altre categorie. E di affrettare i tempi del vaccino per le categorie a rischio, le più esposte a complicanze. Non a caso, ha tenuto a precisare Fazio «tutti i decessi riscontrati fino a oggi, tranne uno, hanno riguardato persone con patologie croniche. Che sono caldamente invitate a vaccinarsi».

Mostravano gravi patologie pregresse anche le ultime sei vittime registrate ieri. Il bilancio delle morti correlate al nuovo virus sale quindi a quota 24, sei in più rispetto al giorno prima. L’influenza A ha provocato i due primi decessi nella capitale: una ragazza di 18 anni, affetta da fibrosi cistica e ricoverata all’ospedale Bambin Gesù, e un tecnico radiologo di 58 anni morto allo Spallanzani. Due morti anche in Piemonte: un ragazzo di 14 anni, ricoverato all’ospedale Cesare Arrigo di Alessandria, e un 17enne morto lunedì sera (ma la notizia è stata diffusa soltanto ieri) al pronto soccorso di Vercelli. E ieri è venuta a mancare all’ospedale San Gerardo di Monza anche una ragazzina di 13 anni. Mentre la Campania, che conta un’incidenza doppia di contagi, ha registrato la decima vittima: un 26enne, arrivato nella tarda serata di martedì al pronto soccorso dell’ospedale di Scafati.

A rischio i giovanissimi, per l’alta capacità di subire e di trasmettere il contagio. Fazio ha confermato ieri come tra i 5 e i 14 anni finora si sia ammalato fino a oggi «circa il 5% della popolazione». Ma anche se «le autorità sanitarie scolastiche sono libere di decidere, la chiusura degli istituti ora non è particolarmente efficace», ha precisato. I bimbi sani saranno comunque vaccinati al più presto, una volta tutelate le categorie a rischio, a partire da dicembre. «Non perché temiamo per la loro salute ma perché dobbiamo eradicare la pandemia», ha aggiunto il viceministro.

Tutt’altra preoccupazione riguarda i circa 250-300 casi gravi attesi, da curare in centri attrezzati. Sempre ieri Fazio ha presentato il piano (che sarà licenziato oggi in Conferenza Stato-Regioni) per l’assistenza ad alta intensità da erogare in quattordici strutture. Da nord a sud, le Molinette di Torino, il S.Gerardo di Monza, il Policlinico e il S. Raffaele di Milano, il S. Matteo di Pavia, le aziende ospedaliere di Bergamo e di Padova, il S.Orsola Malpighi di Bologna, il Careggi di Firenze, il Gemelli e l’Umberto I di Roma, l’azienda ospedaliera Federico II di Napoli, il Policlinico di Bari e l’Ismett di Palermo. Centri che dovranno coordinare gli interventi e il trasporto dei pazienti e garantire la disponibilità di personale addestrato nell’impiego dell’Ecmo, il macchinario "salva-polmoni" necessario in caso di sindrome da insufficienza respiratoria acuta grave, la più temibile complicanza causata dal nuovo virus.

Quanto al vaccino, che avessero problemi di pagamento? Per questo ci sono in arrivo 400 milioni di una multa (fiscale) a Mediaset che vogliono ridurre al 5% con leggina apposita.

Chissà se sua MAESTA’ si commuove… 

NB: Nel decreto sarebbero dovuti rientrare sia le nuove regole sul processo penale breve (durata massima sei anni, con fasi massime di due per indagini preliminari, primo grado e appello, e alla fine l’estinzione se il calendario non viene rispettato), sia la transazione del 5% per i processi tributari, "vecchi di almeno dieci anni", chiusi con due sentenze favorevoli per l’imputato. Un regalo dipinto addosso alla Mondadori, citata dall’Agenzia delle entrate per 400 miliardi di vecchie lire non pagate nel 1991 a seguito di una ristrutturazione societaria