si può passare alla opposizione violenta?

domanda esplicita che forse altri di noi hanno dentro. Domanda in calce a un articolo del Corriere sul PROCESSO BREVE che sarebbe meglio titolare: niente processi per QUELLO LA’!

la risposta di un altro lettore:

 

Risposta a dettoieri
10.11|19:46  bergulometro

vorrei rispondere a dettoieri che fa un’interessante domanda etica: è giusto ricorrere alla violenza quando non è rispettata la costituzione?

Nel nostro sistema costituzionale, ci sono alcune garanzie che fanno sì che la situazione di cui parla lei, in cui il 70% danneggia continuamente il 30% non si realizzi: esistono diritti personali che sono così forti che neanche una maggioranza democraticamente eletta può toccarli.

Per rendere la teoria… pratica, nel nostro sistema esistono due garanzie, il presidente della repubblica (che interviene in casi PALESEMENTE anticostituzionali e soprattutto svolge una funzione simbolica e di guida) e la Corte Costituzionale.

Finché esistono queste due istituzioni, NON è legittimo ricorrere ad ALCUNA forma di violenza, perché il dissenso democratico si esprime diversamente.

Si capisce ora perché la maggioranza critica e delegittima continuamente Presidente della Rep e Corte Costituzionale?