neppure nella CHICAGO di al Capone o forse proprio come nei più squallidi telefilm da imitare.

sistemato, anzi giustiziato l'avversario o il traditore di cosca che fosse, uno dei killer proprio mentre sta per partire si arresta un attimo con un pemsiero in testa. Non si sa mai che quello m'abbia visto. E sul quel non si sa mai torna indietro di qualche passo e SISTEMA  anche l'innocente testimone, un colpo solo, dritto al bersaglio.

ma chissàddove, no? già, eddovenno se non dalle parti di Napoli dove non muove foglia che malavita non voglia.

ma basta con sto MALAVITA, da quelle parti dove neppure il pattume si toglie se CAMORRA non approva, MALAVITA è LA REGOLA, non una FESSERIA.

Un’esecuzione spietata, i killer in sella a una moto crivellano di proiettili Luigi Formicola, 56 anni, titolare di un circolo ricreativo. Poi fanno per allontanarsi a tutta velocità ma dopo alcune decine di metri la moto «inchioda» e torna indietro: uno dei sicari apre il fuoco contro Vincenzo Liguori, 57 anni, proprietario dell’officina meccanica attigua al circolo: lo ammazzano un solo colpo al torace, poi fuggono. Con lui hanno eliminato un testimone pericoloso.

I killer temevano infatti che, nonostante i volti coperti dai caschi, potessero essere stati riconosciuti da Liguori. Secondo un’altra versione, pure presa in considerazione dei carabinieri, Liguori sarebbe stato invece colpito da una pallottola vagante.

È accaduto in serata a San Giorgio a Cremano, comune dell’ hinterland orientale di Napoli.

E, spietato segno del DESTINO, a indagare e riferire ci aveva già pensato il DIRETTORE ed è così arrivata dal suo PADRE appena morto proprio la FIGLIA, inviata dal giornale per riferire in CRONACA.

In fondo come il nostro capo del governo, Mister BAUSCIONE, che non ha ancora finito di digerire il giusto esito del giusto respingimento, tanto più che c'è già la sicurezza della PRESCRIZIONE ed eccolo lì con una stupida accusa come un PROSSENETA di una volta. Però, a sua giustificazione, si sarebbe mosso come un CATTOLICO di quelli seri: già che c'è peccato almeno pecchiamo sotto gli occhi di tutti, con una MINORENNE.

LUI, che governa sicuro il mondo, farsi irretire da una birbantella qualsiasi! Forse han ragione i suoi legali ad arrabbiarsi, che credibilità ha un capo di Stato che non riesce neppure a nascondere l'uso che fa del proprio esclusivo UCCELLO?