andare in giro per questo cosiddetto WEB qualche volta è come ai tempi di un certo Edwin Drake che zappettando qua e là per i terreni circostanti ebbe l'idea di fare un buco e il buco diventò un pozzettino di petrolio, il primo della lunga e remurativa storia che ne seguì.

così, in modo più banale e remunerativo solo (e non è poco) in fatti e conoscenza, leggendo i commenti a un articolo de Il Messaggero in mezzo ai soliti e schierati per principio pro e contro (veramente in quest caso più gli indignati),  ecco una piccola perla molto significativa e che abbiamo un po' tutti velocemente dimenticata.

ricordate SIRCANA? Poverino, aveva fatto un giro in un luogo particolare ed era finito sulle pagine dei giornali e quello che vi sottopongo è IL GIORNALE, e quello sotto il GIUSTAMENTE e SACROSANTEMENTE articolino dedicato al fatto

Duro articolo de "Il Giornale" contro chi va con le prostitute!!!
 
Citazione:

Un uomo pubblico che si rende ricattabile espone lo Stato a gravi rischi, al cui confronto l’estorsione diventa una bazzecola.
La Convenzione sulla soppressione del traffico di persone, ratificata dall’assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1949, recita:«La prostituzione e il male che l’accompagna, cioè la tratta degli esseri umani, sono incompatibili con la dignità e il valore della persona e mettono in pericolo il benessere dell’individuo, della famiglia e della società»? Non lo sa che la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea … all’articolo 3 sancisce il divieto «di fare del corpo umano una fonte di lucro»?
Ma resta intatto il nostro diritto di cittadini a poter disporre di responsabili della res publica che non siano nemmeno lontanamente sfiorati dal sospetto di una qualche contiguità col mondo della prostituzione. Perché andare a puttane non è affatto una cosa normale. Anzi, è la scorciatoia per mandare a puttane prima i governi e poi le nazioni.

Fine citazione!

e così conclude il commento inviato al MESSAGGERO

Vi sembra strano? In effetti era un articolo de Il Giornale di sabato 24 marzo 2007 su Sircana!
commento inviato il 28-01-2011 alle 14:01 da ma_che_paese.

E poi, perla da perla, interessante anche quel che scrive il REDENTO Paolo Pansa (lo prendo dal LINK su Sircana).  

Nel 2006, il portavoce del governo Prodi, Silvio Sircana, fu beccato mentre si fermava di fronte ad un transessuale a parlare. Di che? Non si sa ma non è importante. Importante è che i nobili inviati de “Il Giornale” si buttarono sulla preda come sanno fare soltanto dei giornalisti di razza, producendo un’inchiesta clamorosa. Intervenne con un articolo al fulmicotone il razziatore di partigiani Giampaolo Pansa – sì, proprio lui, quello che in gioventù era stato un giornalista “de sinistra” – con uno dei suoi celebri incipit:

“Dimettersi. Questo dovrebbe fare Silvio Sircana, il portavoce del premier Romano Prodi. Prima lo farà e meglio sarà per lui e per il presidente del Consiglio. Mi spiace di essere tanto secco con un bravo professionista e un uomo per bene. Però non so come Sircana possa continuare a svolgere il suo ruolo con serenità. Anche perché si trova nella situazione di un atleta che, mentre corre, viene investito da un camion. Certo, l'atleta può rimettersi in piedi. Ma non sarà più in grado di gareggiare come prima” (“Il Giornale”,  23 marzo 2007).

Eppure quel che andava bene a un SILVIO (sircana) NON VA PIU' BENE, oggi, all'altro SILVIO (berlusconi).

PS: piccolo particolare, all'epoca e parlando di fotografie stranamente c'era anche un certo CORONA.
Eep