dal NORD AFRICA spira un vento di SPRANZA? Si spera. Per l'intanto arriva qualcosa di nuovo, qualche decina di anni di poteri forti cominciano a scaricare i BOSS ormai vecchi di potere e di ruberie, destino inevitabile quando TUTTO il potere è per troppo tempo in mano a pochi. I nostri antichi avevano un ISTITUTO importante la DITTATURA dalla durata limitata e con un SENATO forte poi divennero troppo ricchi e fu necessario l'IMPERO. Impero che fu utile finché le generazioni educate nella Roma repubblicana conservarono i loro principii.

ascoltavo e leggevo in questi giorni la Costituzione della Repubblica Romana  una Costituzione che aveva il sicuro pregio di liberare l'Italia dal più pesante vincolo che poi gli è arrivato con i PATTI LATERANENSI e con l'inserimento dei Patti stessi nella nuova Costituzione che tuttora vige, anche se talvolta o spesso non del tutto rispettata e certamente da molti non voluta.

non è per laicismo acritico che faccio queste osservazioni, ma quando una percentuale alta di cittadini elettori non si riconosce nella PATRIA di tutti ma per ogni decisione si affida a un interlocutore esterno che inevitabilmente ha interessi del tutto diversi, allora parlare di e praticare le libertà democratica dipende dal SOGLIO PONTIFICIO, dalla congrega dei VESCOVI ITALIANI e dai principi di chi usa i voti che quelli garantiscono in cambio di obbedienza e SOLDI.

in questi anni c'è stata una ASSOCIAZIONE quasi a delinquere fra gli strati ricchi e la volontà di potere VATICANA di cui paghiamo le conseguenze. Forse qualcosa può cambiare anche se richiederà un equilibrio molto intelligente da parte di chi forse potrà intervenire. Dal mio punto di vista gli estremismi verbali e intellettuali potrebbero anche essere utili ma solo se dietro ci fosse la volontà e la determinazione di intervenire al di fuori delle regole, come in fondo è accaduto finora nell'Africa a noi più vicina. E invece sembra che l'obiettivo di una certa sinistra, e lo dimostrano anche gli interventi contro le manifestazioni di domani, sia quello di screditare comunque il tentativo faticoso di arrivare a alleanza ampie trovando stranamente coincidenze con i migliori dispensatori di parole di parte berlusconiana (uno per tutti CICCIOFERRARA) o di opinionisti del calibro  di PIERO OSTELLINO che esprimono volontà e principi e paure di un antico capitalismo che vede un futuro pericoloso per i propri concreti interessi.

PER QUESTO OCCORRE VIGILARE e per questo occorre consolidare quel che domani  la parte più libera di vincoli INTENDE SOLLECITARE DIFENDERE E PROPORRE e che domani sarà in TUTTE LE PIAZZE.