velocemente il mondo dello spettacolo ha rimesso l'ascia di guerra sotto il TEPEE, che bello i soldi stanno tornando e così gli emuli delle sfarzose mises palcosceniche alla ZEFFIRELLI potranno riemergere rassicurate, tromboni e tromboncini riprenderanno a garrire. Nella serata di ieri sera era tutto un garrire fra una lagrimuccia in memoria di LIZ (Holliwood party) e un laudatorio commento di chi più tardi parla di varie manifestazioni sospese in fretta e furia perchè finalmente sono tornati, con una piccolissima coda finale, I SOLDI!

già, I SOLDI! e qui c'è tutta la intelligente cattiveria di TREMONTI, SONO FINALMENTE ARRIVATI, ma dal DISTRIBUTORE. Ottenendo più risultati: eliminazione dell'obolo di UN EURO a biglietto del cinema (MEDUSA di BETTY ringrazia), quando qualcuno si lamenterà del costo dei carburanti sarà facile rispondere "colpa della cultura" (prima era un euro a biglietto, adesso sarà un euro a pieno), ma, soprattutto, RESTERA' alla faccia di quel che raccomanda il GOVERNATORE (ma solo) DELLA BANCA D'ITALIA.

grazie TREMONTI e GRAZIE di avermi convinto a versare 50 60 euro all'anno per l'industria della cultura e te ne accorgi ogni volta che vai in libreria quando UN SINGOLO LIBRO costa quasi come una spesa settimanale al supermercato!
                                                
LUI PAGA

e questo SPENDE (e incassa!)