le bagarre parlamentari incentrate sui casini giudiziari del nostro FASSOTUTTO hanno messo in ombra la sostanziale nullità internazionale dell'Italia.

i fatti concreti hanno chiarito il perché della non voluta presenza dell'Italia all'incontro di Londra. Gli incontri per capire come portare a buon fine l'allontanamento di Gheddafi non potevano avvenire in presenza di chi poteva passare indiscrezioni all'amico e sodale beduino specialista di BUNGA BUNGA. Se, come probabile, è in atto una operazione che mette in gioco i figli contro il padre che non vuole mollare costi quel che costi, niente doveva arrivare alle orecchie italiane.

troppi sono i sospetti di legami economici personali che debbono venire protetti dai governanti italiani e così all'Italia vengono affidate le furerie e quegli incarichi strettamente legati ai migranti per lasciare agli ADULTI il compito di risolvere in concreto le questioni vitali legate al petrolio e al futuro dell'area.

nonostante gli sforzi del FRATTINI il mestolo è in mano di Londra che del resto non si muove in modo difforme dalla Francia. Ci accontentano, forse, su migranti così Berlusconi tiene per la camicia la LEGA ma per il resto siamo praticamente al di fuori del gruppo che decide e rimane solo il gioco acrobatico del Silvio che prende l'aereo per la Tunisia per vedere di mettere una pezza.

siamo ormai all'atmosfera di banchetto in piazza inventandosi profferte senza un futuro concreto degno di fede.

ROMA – Linee di credito e equipaggiamenti per 100 mln €, da metà aprile, a forze di polizia impegnate nel controllo dell’immigrazione. Lo ha detto il premier Belusconi parlando degli interventi a favore della Tunisia a fronte dell’impegno a fermare l’uscita illegale di cittadini: “Sono ottimista sull’accordo di lunedì con Tunisi e preferisco non ipotizzare nulla prima"

Del resto come può seriamente pensare di avere credibilità internazionale uno che si affida a un SCILIPOTI QUALSIASI?


foto: SCILIPOTI corre per impedire che sia messo a verbale il FANCULO del molto onolevole ministlo LA RUSSA.

SENZA PERALTRO RIUSCIRE NELL'INTENTO.

Dd