il GRANDE KOMUNICATORE senza rendersene conto decidendo di fare della Bindi l'icona della BRUTTA KOMUNISTA senza volere ha creato una nemica sorprendentemente ironica e battagliera, tanto che persino un quotidiano schierato come l'UNIONE SARDA ha dovuto occuparsene giocando in difesa proprio della PRESIDENTE del PD e non solo.

certo tutto questo rientra anche nello scontro che, specie nel PdL sardo, c'è fra il vecchio gruppo un tempo democristiano (e poi fondatore della locale FORZITALIA) e i residui della ex-AN che è pure preoccupato da FLI.

ma in questa campagna elettorale la PRESIDENTE la trovate ovunque, specie nei piccoli comuni come, ad esempio, CAPODRISE   o nella tana del lupo leghista in Provincia di Novara, in tenuta da combattimento ed esibendo anche insospettate qualità canore.

 

“Ci battiamo contro un candidato della Lega che si presenta con tutte le contraddizioni del suo partito che sono quelle: di sbandierare il federalismo mentre appoggia il Governo più centralista della storia che ha umiliato le autonomie locali, che è imbarazzato dal comportamento di Berlusconi e dall’aumento dei sottosegretari. Credo che noi possiamo sperare in un ballottaggio e con la presenza dell’Udc con un suo candidato anche in una vittoria”. A sostenere lo sprint finale del candidato sindaco del centrosinistra Andrea Ballarè è arrivata la presidente del Partito Democratico Rosy Bindi. Presentata dalla segretaria provinciale del Pd Elena Ferrara, la presidente del Pd è stata introdotta dal saluto del candidato sindaco che ha ancora una volta galvanizzato il pubblico ribadendo “possiamo vincere perché la gente è stanca di una città senza futuro e vuole cambiare. In questi giorni, stando in mezzo alla gente, riscontro che i novaresi hanno voglia di cambiare e uscire dall’immobilismo”.  

E proprio in queste realtà la sua qualità di cattolica indipendente da condizionamenti vaticana ha buon gioco nel porsi in collegamento con una UDC non subalterna puntando su un eventuale ballottaggio in terra di NOVARA.

Sarebbero molte altre le occasioni di parlare di questa ROSY e rimando a siti ben più importanti di questo modestissimo blog, c'è comunque una perla tutta molto LEGHISTA che vale la pena vedere assieme che serve sia a fotografare il livello
 

della competizione in atto sia, indirettamente, quanto dia fastidio e preoccupi una eventuale futura candidatura nazionale di questa BINDI.

La notizia e la riproduzione del post su FACEBOOK è stata ripresa da qui.